Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione


Massa Fermana

 

  è un nuovo comune delle Marche nella nuova provincia di Fermo. La sua estensione territoriale è di 745 ettari. Sorge su 5 colli a 349 metri sul livello del mare, ha un clima dolce e mite,MassaFermana0 un'aria salutare dovuta alla sua posizione geografica , assomiglia molto  alla toscana .  Posto in posizione baricentrica rispetto alla linea del mare- montagna , dista circa 30 km dall'adriatico e dai monti Sibellini.       Pur trattandosi di uno dei più piccoli comuni della provincia, Massa Fermana,ricca di storia e d'arte, è titolare di una importante pinacoteca, di un museo degli antichi mestieri e di monumenti storici di straordinaria bellezza. Il paese turisticamente parlando è ancora nella fase embrionale per chi vuole investire ci sono infinite possibilità di sviluppo ancora incontaminate da speculatori finanziari usufruendo di tutti i contributi a fondo perduto che la provincia mette a disposizione .25/09/2007 - 288 - Turismo - Marche - Bando per la concessione di contributi in c/interessi alle IMPRESE TURISTICHE MARCHIGIANE   Molti stranieri tedeschi ed inglesi stanno già ristrutturando vecchi casali per le ferie.massafermana1  

 

Nella chiesa parrocchiale di 5s Lorenzo, 5ilvestro e Ruffino, sono conservate opere di grande valore artistico. Le più importanti sono: il polittico di Carlo Crivelli, una tavola di Vittore Crivelli e una tela di 5ebastiano Ghezzi.La pinacoteca comunale, una delle prime costituite con decreto ministeriale nell'immediato dopoguerra, conserva opere di grande importanza artistica e storica quasi tutte provenienti dall'ex convento francescano. Le principali sono: tavola di Vincenzo Pagani, tavola di Durante Nobili, tela di G.A. de Magistris, affresco di Olivuccio Ciccarello, affresco del 1200 di autore ignoto.

 

massafermana2

 Il convento francescano, sorto nel 1215,voluto da San Francesco e citato nei "Fioretti'; ha ospitato personaggi quali San Giuseppe da Copertino, San Berdinardo da Siena, San Giacomo della Marca. Nell'antica struttura, oggi in fase di recupero, vi sono state officiate le funzioni religiose fino ai primi anni '50. Dal 1890 non è utilizzata dai frati. Leprime notizie storiche certe su Massa Fermana risalgono al 1050, anno in cui il castello era sottoposto alla giurisdizione ecclesiastica dei vescovi di Fermo. Sembra accertato che, fin dai tempi più remoti, appartenesse alla famiglia dei Brunforte, che cominciò a perdere di rinomanza nel sec. XIV per le continue discordie tra i discendenti. Nel 1222, Massa si unì con Mogliano, Gabbaino e Monte Verde, per resistere alle minacce dell'Imperatore Federico II. Nel 1252 il "castello" si diede spontaneamente a Fermo che ne seguì le vicende fino all'Unità d'ItaliaLa produzione di cappelli è l'attività economica prevalente.

 

Da documenti storici risulta che già nel '700 le     famiglie più povere realizzavano cappelli in paglia di granomassafermana5 intrecciata.L'esperienza, maturata dallo storico passato, ha caratterizzato la vocazione alla produzione di manufatti che, in linea con i tempi e le tendenze del mercato, per la completezza della gamma, la varietà e la qualità del prodotto, assume oggi un carattere industriale di proporzioni tali da qualificare il territorio come il Distretto produttivo del cappello. Dettando le tendenze della moda, i cappelli sono oggi prodotti con i materiali più diversi (tessuto, lana, paglia) e vengono distribuiti in tutto il mondo.